Torta vegan al cioccolato

Sono le 17.59 di un lunghissimo lunedì molto innevato.

La giornata è iniziata troppo presto oggi e dopo una giornata intera passata a “The Baking Lab” a seguire i lavori dell’idraulico, degli imbianchini e dei signori che mi hanno consegnato le attrezzature mancanti nel laboratorio finalmente sono tornata a casa a rintanarmi direttamente a letto armata di pc, coperta e thermos di thè verde.

Il we appena trascorso io e andre lo abbiamo passato a disinfettare e sanificare tutto il laboratorio, vi dico solo due cose: non c’è ancora il riscaldamento, mancava l’acqua calda e fuori ha nevicato ininterrottamente da sabato mattina fino a un paio di ore fa; ovviamente mi sono presa raffreddore e febbre.

vegan1_L650

La soddisfazione però di vedere quello che sarà il mio laboratorio, (si, lo è già tutto mio solo che ci stanno ancora lavorando in così tanti che non riesco ancora a sentirmi la padrona di casa a tutti gli effetti!), tornare a splendere nonostante la fatica di pulire ogni singola fuga tra le piastrelle del pavimento, è davvero enorme! Tifereste per me al fine di riuscire ad aprire davvero nella data che mi sono prefissata!? no perchè ogni giorno ne spunta una nuova che mi fa vacillare!

In tutto questo trambusto vi comunico che la qui presente oltre ad aver battuto la testa e aver messo in piedi un laboratorio tutto suo ha anche spento ben 8 candeline con il blog! Ebbene si, Shake&Bake ha compiuto 8 lunghissimi anni di attività nel web!

Per festeggiare virtualmente insieme a tutti voi che mi seguite oggi ci tagliamo una fetta di Torta Vegana al cioccolato!

Non storcete il naso prima di averla assaggiata perchè vi posso garantire che è davvero ottima, resta morbida a lungo e nonostante non ci sia la benchè minima presenza di burro la torta è come una nuvola!

vegan2_L650

Ingredienti (stampo a tondo da 20cm)

200 g farina 00

60g farina di segale

30g cacao amaro

180g tofu silken

120 ml latte di riso ( o soya)

80 ml di caffè freddo ( da moka o solubile)

130g zucchero integrale di canna

gocce di cioccolato

6 cucchiai di olio di semi di girasole bio

6g baking powder o metà bustina di lievito per dolci

Preriscaldate il forno a 200° e rivestite lo stampo a cerniera con carta forno sulla base e ai lati.

Setacciate le polveri e tenete da parte.

Nel mixer o nel frullatore, emulsionate il tofu silken con l’olio, il caffè e il latte di riso o soya; versate le polveri e azionate fino a ottenere un composto morbido e cremoso; a piacere unite le gocce di cioccolato e mescolare con una spatola.

Versate il tutto nello stampo e infornate per 25 min; abbassate a 180-à e proseguite per altri 25-30 minuti.

vegan3_L650

Verificate la cottura con uno stecchino inserito nel centro del dolce dal quale ne deve uscire completamente asciutto.

Fate raffreddare nello stampo e poi su una gratella per dolci.

A piacere spolverare di zucchero a velo.

Note: La torta si conserva morbida e supersoffice anche per 3-4 giorni.

Al posto del caffè se non vi dovesse piacere o non voleste metterlo potete compensare con pari quantità di latte di                         riso o soya.

Il tofu silken è la versione cremosa del classico tofu che si trova in panetti; io l’ho comprata da Natura Sì ma sono sicura che nei negozi bio ben froniti lo potete trovare; se non lo trovaste usate il tofu la naturale in panetto sempre 180g e frullatelo con il latte di riso o soya per ottenere la consistenza cremosa necessaria per la torta!

Hugs,kisses&cookies

 

 

PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

16 thoughts on “Torta vegan al cioccolato

  1. Che bel vestito nuovo il blog!! :)
    E in bocca al lupo per il tuo laboratorio!
    Marta

    p.s.: ho un amico vegano..ricetta perfetta, me la segno ;)

  2. Buongiorno “vecchietta” e tanti auguri per il tuo 8avo compleanno. Festeggi con una torta che mi piace un sacco ovviamente.
    Avevo visto la mousse di tofu ma una torta così mai. Bellissima trovata!

  3. consiglio: prova a usare il latte di avena, soprattutto per le preparazioni con cioccolato.. non c’è paragone! anche il latte di miglio sta bene con i dolci.. soia e riso restano meno cremosi, e soprattutto per la soia se ne sente il sottile e persistente aroma, se pur in modo leggerissimo.
    ciauu
    e come si dice da noi in teatro Merda Merda Merda per il tuo laboratorio!!!

  4. tantissimi auguri al blog e in bocca al lupo a te per la tua bellissima avventura, immagino solo quanto impegno ci vuole, e la torta è splendida, la devo provare! ciao!

  5. Augurissimi Gaietta!Mamma mia come passa veloce il tempo!Ne hai fatta di strada ragazza…Beh, è una delle torte vegane più buone mai viste, la copio!
    Auguri di pronta guarigione :)
    baci

  6. ciao gaietta,
    probabilmente deve essermi sfuggito qualcosa perchè ieri ho provato a fare la torta ma … disastro completo!
    è rimasta bassa come un brownie, e quindi molto compatta, quaasi gommosa.
    il sapore è buono e nonostante non ci sia zucchero direi anche dolce abbastanza (per paura che i miei brontolassero ho aggiunto all’impasto due cucchiaini di malto di riso, ma non credo possano aveer influito così negativamente sulla riuscita).
    magari ci riprovo, metà dose e facendo muffins … oppure aspetto l’inaugurazione del tuo laboratorio e vengo a fare un corso con te! :-)
    un grandissimo in bocca al lupo!!!

    • ciao cinzia! cavolo mi spiace tantissimo che la torta nn ti sia venuta! che lievito hai usato? io uso un baking powder inglese che in effetti è abbastanza potente per cui nn ne servono tanti grammi; prova ad aumentare la dose di lievito in fondo nn essendoci nemmeno le uova nn c’è altro che possa far gonfiare la torta.

      • e pensare che ho anche io il baking powdere inglese originale!
        ma non lo trovavao e così ho messo il san martino, quello buono antica ricetta ma evidentemente era poco.
        niente paura, riproverò a farla e mi impegneerò di più :-)
        a proposito, lo compri qui il lievito inglese?

        • no io lo compor in uk o via internet o quando vado faccio la scorta e ne compro almeno 10 vasetti! adesso che ho il negozio lo trovo più facilmente dai grossisti ma in commercio si fatica!

  7. Ciao! Vorrei provare a fare questa ricetta, non avendo la farina di segale potrei sostituirla con la farina integrale… cambia molto?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>